Polizze rc professionali per gli specializzandi: massimali, premi e garanzie
Esistono assicurazioni rc professionali ad hoc per i giovani medici e/o specializzandi. I premi annuali si attestano tra i 250 € e i 400 € all’anno e per accedere alla tariffa agevolata le Compagnie di Assicurazione richiedono come criteri di ammissione l’essere iscritti all’albo professionale da meno di 3 anni oppure qualche altra Compagnia richiede un’anzianità di iscrizione di meno di 4 anni. Inoltre, talvolta, sono richiesti anche altri criteri come iscrizione all’albo professionale ad un’età inferiore ai 30 anni. Possiamo segnalare le Compagnie Torus Insurance e Assicuratrice Milanese come specializzate per le polizze per giovani medici.

I massimali vanno da € 250.000,00 fino a € 2.000.000.
La retroattività in genere viene fissata dalla data di inizio dell’attività professionale.

Il medico specialista in formazione
Scegliere di fare il medico, comporta, oltre che gli studi universitari anche la prosecuzione degli studi iscrivendosi ad una scuola universitaria di specializzazione. Il medico che sceglie di proseguire con la specializzazione firma un contratto annuale di formazione specialistica rinnovabile anno per anno per tutta la durata del corso che generalmente è di durata quinquennale salvo casi particolari (per la medicina generale il corso ha durata triennale). Al medico in formazione specialistica o specializzando per la durata della formazione a tempo pieno viene inibito da attività di attività libero-professionale all’esterno delle strutture assistenziali in cui si effettua la formazione ed ogni rapporto convenzionale o precario con il servizio sanitario nazionale o enti e istituzioni pubbliche e private.

Nei fatti non può svolgere nessuna attività lavorativa se non quelle della specialità per conto dell’Azienda Ospedaliera con la quale ha stipulato il contratto di specializzazione.

Esistono però delle eccezioni, compatibili con gli obblighi della formazione specialistica, in modi e termini previsti. E’ possibile:

  • sostituire a tempo determinato i medici di medicina generale convenzionati con il SSN;
  • essere iscritto negli elenchi della guardia medica notturna, festiva e turistica, in tal caso il medico specializzando sarà occupato solo in caso di carenza di altri medici iscritti all’apposito elenco;
  • ha la facoltà dell’esercizio della libera professione intramuraria qualora consentita dall’Azienda Ospedaliera di appartenenza.

 

Dati fiscali

La sostituzione di un medico di medicina generale convenzionato con il SSN e la prestazione di guardia medica notturna o turistica è una prestazione occasionale come tale non deve superare i 30 giorni complessivi all’interno di un anno ed il compenso deve essere non superiore ai  € 5.000,00 (per lo stesso committente).

Come tutte le prestazioni occasionali va documentata tramite ricevuta con ritenuta d’acconto pari al 20% del compenso stabilito tra le parti.

Durante la specializzazione il medico percepisce un trattamento economico annuo costituto da una parte fissa, uguale per ogni specializzazione e per tutta la durata del corso, alla somma viene aggiunta una parte variabile.

Ai fini fiscali i fondi erogati allo specializzando sono esenti da IRPEF, l’assegno è equiparato ad una borsa di studi e non è tassabile sui redditi, a tal riguardo è bene ricordare che le borse di studio fruiscono sia delle detrazioni per carichi di famiglia che della detrazione per il lavoro dipendente e spettano per l’anno intero.

Se non ci sono altri redditi personali si può continuare ad essere fiscalmente a carico della famiglia o del proprio coniuge.  Il medico in formazione specialistica potrà non dichiarare reddito.

In media la formazione post laurea in scuole di specializzazioni mediche dura 5 anni, in questo lasso di tempo si percepisce un assegno mensile di circa 1.700 / 1.800 euro netti, i posti disponibili in borsa di studio sono meno del 50% del totale degli aspiranti e molti neolaureati nelle more del concorso di specializzazione, che ad oggi è nazionale e molto discusso, lavorano a prestazione come guardia medica o sostituzioni dei medici di base o pediatri di libera scelta.

 

Le specializzazioni più richieste 

La specializzazione è comunque obbligatoria per poter lavorare come specialista nel SSN e non solo, ad oggi in Italia si contano 56 Scuole di specializzazione. Secondo un recente sondaggio della ANAOO Giovani, ovvero l’associazione dei medici dirigenti, le specializzazioni maggiormente richieste sono:

  • internisti
  • geriatri
  • cardiologi
  • pediatri
  • chirurghi generali
  • ginecologi
  • ortopedici
  • otorini
  • urologi
  • anestesisti
  • radiologi

Per ogni esigenza sulla polizza professionale od altre polizze collegate non esitare a contattare i nostri consulenti.

 



Ultima modifica: